CISPI Sagl via San Salvatore 6, 6900 Lugano
tel. +41 91 980 32 17; fax +41 91 980 32 18
info@cispi.ch

Perizie Rischio Residuo

Per gli edifici e gli impianti esistenti prima del 1 gennaio 1997, l’Articolo 44g RLE indica due modi di procedere per cio’ che concerne la sicurezza antincendio:

A)    Conformemente alla Legge Edilizia (art. 41c e art. 41g LE) ed al relativo Regolamento d’applicazione (art. 44a cpv2 e art. 44g cpv 2 RLE) spetta all’Autorità comunale verificare se il rischio residuo d’incendio dell’edificio o impianto esistente risulta accettabile. Per l’espletamento di questo compito l’Autorità comunale si avvale di un Tecnico Riconosciuto nel campo delle Polizia del Fuoco, secondo l’art. 44h RLE. Se la verifica attesta l’accettabilità del rischio la procedura è conclusa; nel caso invece in cui risultasse un rischio residuo non accettabile, soprattutto per la sicurezza delle persone, il Municipio dovrà ordinare al proprietario dell’edificio/impianto la presentazione di un concetto di protezione atto a ridurre il rischio ad un livello accettabile (art. 44g cpv1). Va inoltre tenuto conto che il Municipio, nel caso di difetto grave e pericolo imminente per l’incolumità delle persone, deve ordinare la sospensione delle attività, art. 42 LE e 107 LOC.

B)    Conformemente all’art. 44g RLE cpv3 spetta al proprietario, nel caso di un intervento parziale su edifici e/o impianti esistenti, la presentazione al Municipio di una perizia che certifichi che il rischio residuo presente nella parte di edificio/impianto non oggetto dell’intervento risulti accettabile. Per l’espletamento di questo compito, il proprietario deve avvalersi di un Tecnico Riconosciuto nel campo della Polizia del Fuoco secondo l’art. 44h RLE. Se la verifica attesta l’accettabilità del rischio la procedura è conclusa; nel caso invece in cui risultasse un rischio residuo non accettabile, soprattutto per la sicurezza delle persone, il proprietario deve adattare l’edificio e/o impianto secondo un concetto di protezione che renda accettabile il rischio residuo (art 44g RLE cpv1).

Il nostro studio dispone perciò di tecnici riconosciuti con diploma di specialisti o esperti antincendio, con provata esperienza e competenza specifica sia per la verifica sia per la attestazione del rischio attraverso la redazione di Perizie Rischio Residuo. Ciò risulta anche importante, in quanto prima fase del processo per la riduzione del rischio d’incendio, nel contenere i costi per il rilevamento della situazione e dei dati che servono alla valutazione del rischio e della sua accettabilità; ciò inoltre ai fini dell’elaborazione di eventuali concetti per la riduzione del rischio d’incendio ad un livello accettabile.

REFERENZE

Gordola-Parco Industriale Regazzi Figino-Ostello della Gioventu’ Lugano-Migros Lugano-Parco Maraini